Gusto - Una mostra virtuale

Venerdì, 6. Novembre 2020

A causa delle attuali restrizioni e della chiusura dei musei in Italia fino al 3 dicembre, la mostra 'Gusto' di Nancy Cadogan sarà temporaneamente visibile sul nostro sito web, fino a quando non ci sarà permesso di riaprire nuovamente.

Nel 1820 il poeta britannico John Keats trascorse 10 giorni in quarantena nel Golfo di Napoli mentre il tifo imperversava, una immobilità forzata che rispecchiava l'attuale crisi di Covid.  Con il suo amico artista, Joseph Severn, Keats si stabilì nel porto, bloccato dai rigorosi quaranta giorni del paese, all'origine della parola quarantena, prima di dirigersi verso Roma, il suo ultimo luogo di dimora. Il viaggio di Keats e Severn attraverso l'Italia coincide in modo inquietante con la creazione di Gusto, una mostra di nuove opere dell'artista britannica Nancy Cadogan.

Quando Cadogan è entrata nel suo studio per realizzare la nuova opera, il mondo è sprofondato nell'isolamento. Per Cadogan è diventato un processo di realizzazione incredibilmente estenuante, realizzando le opere nelle circostanze migliori e in quelle peggiori. Tuttavia, ciò che è emerso è un lavoro che intende infondere speranza in questo momento di crisi economica e sanitaria globale. Il Covid è stato catastrofico per l'Italia, con il paese che conta uno dei più alti numeri di vittime. Ci sono voluti resistenza, coraggio, perseveranza e una determinazione d'acciaio per portare questa mostra avanti.

Ciò che ne è risultato è una serie di dipinti ad olio profondamente meditata e ponderata, che rimanda alla sua profonda conoscenza dell'opera di Keats e si fonda sul simbolismo e sulla speranza di un futuro ancora incerto. Cadogan ha presentato Gusto a Londra Tier 2, e alla fine di ottobre si è finalmente recata a Roma per inaugurare la mostra alla Keats-Shelley House. Tuttavia, a causa delle attuali restrizioni e della chiusura dei musei in Italia, pubblicheremo temporaneamente la mostra "Gusto" di Cadogan sul nostro sito web, fino a quando non ci sarà permesso di riaprirla di nuovo al pubblico.

La mostra comprende sedici nuovi dipinti ad olio ispirati ai grandi poeti romantici e prende il nome dal saggio di William Hazlitt " Sul Gusto", scritto nel 1817. Si tratta di un insieme di opere che intende infondere speranza in questo momento di crisi economica e sanitaria globale, ed è stato descritto da The Evening Standard Magazine come " un paradiso su tela".

Non vediamo l'ora di riaprire il 3 dicembre, ma nel frattempo vi invitiamo a godervi questa mostra virtuale.

(CLICCATE SULL'IMMAGINE IN ALTO A DESTRA PER SCORRERE TRA LE FOTO, OPPURE CLICCATE SUI LINK QUI SOTTO PER VISUALIZZARE E INGRANDIRE LE IMMAGINI DEI SINGOLI DIPINTI)

 

DIPINTI:

1. Full of Sweet Dreams

2. A Realm of Gold

3. An Airy Citadel

4. An Endless Fountain of Immortal Drink

5. Back to Books

6. By Night

7. Dreaming of Rome I

8. Dreaming of Rome II

9. My Anchor

10. Small Thought I

11. Small Thought II

12. Small Thought III

13. The Light is Outside I

14. The Light is Outside II

15. The Light is Outside III

16. The Light is Outside IV

17. The Progress of The Day

18. Ways To Tell a Story